riflessioni dopo siena collegamento

- Parigi e la sua forza - PDF

- riflessioni dopo Siena

- La dignità dei manichini viventi - lavoro in corso

- Omofobia a Ravenna

- Manifesto della Libera Università delle Donne di Milano

- A proposito del corpo delle donne e spogliarelli

- Priorità della vita sull'economia

 

Chi siamo

Dal 1994 un gruppo di noi opera ininterrottamente all’interno dell’Università per la Formazione Permanente degli Adulti Bosi Maramotti di Ravenna, nel Corso La Storia e il Pensiero delle Donne.

Abbiamo prodotto molto: lezioni, studi, approfondimenti, pubblicazioni, divulgazione. Negli ultimi tempi il lavoro si è intensificato.

E’ stata scelta la forma seminariale, e , negli ultimi due anni, abbiamo sperimentato positivamente l’apertura dei Seminari al genere maschile. Inoltre, nel corso degli anni abbiamo consolidato la collaborazione con l’Associazione Orlando di Bologna e con la Libera Università delle Donne di Milano, a cui si è aggiunta, lo scorso anno, la collaborazione con l’Associazione Maschile Plurale.

Presentazione di FMP - vedi il documento pdf
Le persone che hanno collaborato
Le iniziative realizzate nel nostro passato
Vuoi entrae a fare parte di noi?

Si sono create fra docenti e corsiste/i forti sintonie, e sono emerse comuni passioni, reciproche aperture, interessi culturali convergenti pur nelle diverse storie politiche e generazionali. Stiamo imparando a narrarci e a “scambiare”, nella progressiva consapevolezza che le nostre vite sono state un continuo muoversi fra pluralità e soggettività, fra incontri e conflitti, fra mutamenti e persistenze, fra resistenza e progetto.

Abbiamo verificato la bellezza e la fatica della pluralità, e riteniamo che associarsi per farne il tema prioritario della nostra riflessione ci aiuterà a vivere la vita nel mondo con maggiore consapevolezza e non in solitudine, e, contemporaneamente, a delineare la possibilità di trasmissioni di esperienze, di pensieri, di saperi.

Intendiamo continuare il nostro impegno all’interno dell’Università, dove nel tempo abbiamo costruito un nostro spazio, aperto alla città, in un luogo progettuale e organizzativo di grande valore culturale e civile.

E’ un’esperienza da mantenere e da aggiornare continuamente. Ma abbiamo pensato che sia ormai necessario dare vita anche a un nostro autonomo spazio, che possa operare con flessibilità, in modo ampio e oltre i tempi e i modi dell’Università, inevitabilmente regolati da una propria specifica programmazione e regole organizzative e statutarie proprie.

Le sottoscritte e i sottoscritti decidono quindi di dare vita, a partire da chi da più tempo è stato in questa “relazione” culturale e umana, da chi ha già avuto con noi esperienze di scrittura, e da chi, di genere femminile e maschile, ha seguito con particolare attenzione e motivazione le nostre attività, alla Associazione denominata Femminile Maschile Plurale.

La crisi che la trasformazione del mondo sta vivendo necessita di impegno culturale, politico e civile continuo, e di forme associative dove donne e uomini in relazione possano testimoniare, con pratiche coerenti e trasformative, che “un altro vivere è possibile”.


STATUTO (ESTRATTO): TITOLO II -Scopo- Oggetto

ART. 2

L’Associazione e’ un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico la cui attività e’ espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo.

Essa non ha alcun fine di lucro e ha lo scopo di promuove la cultura della pluralità dei generi e delle generazioni nel presente e nel corso del tempo.

In particolare, per il raggiungimento delle proprie finalità, l’Associazione si propone, a titolo esemplificativo e non esaustivo, di svolgere le seguenti attività: condurre o dare sostegno a attività di studio, ricerca, divulgazione, promuovere incontri pubblici, favorire la conoscenza e la trasmissione della storia e della cultura dei generi e delle generazioni, realizzare pubblicazioni e prodotti multimediali, avviare collaborazioni con Associazioni, Istituti Culturali, Università, Centri di Ricerca e di Documentazione.

Essa apre alla pagina Manifesto